Da Bambino Interiore Ferito a Potere Personale e Ricchezza

Da Bambino Interiore Ferito a Potere Personale e Ricchezza[Da Bambino Interiore Ferito a Potere Personale e Ricchezza – Articolo di Ana Maria Ghinet]

Qual è il primo pensiero che ti viene in mente appena leggi la parola Potere?

Non andare avanti, risponditi a questa domanda, è per il tuo bene.

;-)

Sono stati un pensiero o una sensazione di sconforto, di rabbia, di inferiorità, di indegnità o di avidità?

Ci sono tante sensazioni che puoi aver percepito; quelle più probabili sono quelle che ti ho appena descritto.

Ti confesso che personalmente, per tanti anni, ho provato una forte rabbia appena sentivo, leggevo da qualche parte o pensavo a questa parola, apparentemente senza motivo.

Senza motivo… non lo era affatto.

La parola in sé e per sé è buona, solo le neuro-associazioni sono sicuramente “diversamente buone”, perché la società ci ha insegnato che le persone che governano sono quelle che hanno il potere.

E se queste sono “cattive” allora il Potere = Cattivo, se manipolano allora il Potere = Manipolazione, ecc…

Ti voglio dire una cosa importante che sai già – nulla di nuovo – solo positivamente sconvolgente:

Le persone che critichiamo siamo Noi.

Sì, hai letto bene!

Loro sono noi, sono una parte di noi!

Lo sai, vero?

In teoria siamo bravi a parlare, ora invece è il momento di mettere in pratica ciò che sappiamo, sei d’accordo?

Se loro sono una parte di noi, che facciamo?

Critichiamo noi stessi?

Se tu fossi un politico, criticheresti te stesso?

No, no, no, sicuramente no.

E per farti passare il test attraverso cui io sono passata per arrivare a questa consapevolezza, ti faccio una domanda: se c’è qualcuno che ti critica (tipo: tuo marito, i tuoi colleghi di lavoro, i tuoi genitori, ecc…) nella vita di tutti i giorni, ti dà fastidio?

Sicuramente sì, allora come si può fare a far sì che non veniamo criticati?

Accettando noi stessi e quelle parti di noi…

Non sono a favore di nessuno, dico semplicemente che quest’argomento è difficile e ho scelto di parlarne con te perché sono sicura che ti può essere utile nel recuperare il tuo Potere Personale.

Accettando loro come parti di noi stessi, rinunciamo alla lotta interiore, possiamo vivere in Pace con noi stessi e cambiare le neuro-associazioni che hai letto prima in queste positive:

Potere = Responsabilità

Potere = Creatore di tutto ciò che è

Accettando quelle parti di noi stessi e andando ad amare le varie sfumature considerate da noi “cattive”, riprendiamo il Potere Personale e lo portiamo nella nostra vita.

Loro, e tante altre parti di noi che critichiamo all’esterno, sopravvivono grazie a noi, che li nutriamo attraverso vere emozioni come la rabbia, la frustrazione, il senso di impotenza, di inferiorità, di inadeguatezza, l’ego smisurato, ecc…

Hmmm …

Mi sembra di conoscere bene queste caratteristiche!

Sono le caratteristiche del Bambino Interiore Ferito!

Da Bambino Interiore Ferito a

Potere Personale e Ricchezza

Che vuol dire?Da Bambino Interiore Ferito a Potere Personale e Ricchezza - www.RicchezzaVera (3)

Che se ho il Bambino Interiore Ferito, critico gli altri, do la colpa all’esterno, esaurendo così la mia energia interiore?

Sì, proprio così.

Non ci rendiamo conto della nostra sofferenza interiore e ci comportiamo proprio in questo modo.

Chi è che si ricorda cosa vedeva, sentiva quando aveva 1 anno, 2 anni o 3 anni?

Direi nessuno… vero?

Queste emozioni che può avere il Bambino Interiore Ferito sono sepolte nella nostra memoria ed inconsapevolmente le ripetiamo nella vita di tutti i giorni, nei rapporti di coppia e nel rapporto con il denaro.

Quelle memorie, di cui non ci ricordiamo, sono proprio quelle che riconosciamo e critichiamo all’esterno individuandole negli altri, che noi crediamo abbiano il Potere.

Perché lo facciamo?

Perché crediamo che loro abbiano il Potere e noi no.

E, più diamo la colpa a loro, più li nutriamo e continueranno ad esistere finché non li avremo guariti dentro di noi, finché non avremo guarito il nostro Bambino Interiore.

Il nostro Bambino Interiore Ferito viene chiamato anche il Critico Interiore, perché critica ciò che vede separato da lui e considera che gli potrebbe fare del male, in quanto lui è piccolo, impotente e gli altri sono grandi e decidono per lui.

In realtà è separato dalla sua fonte di Potere Personale.

É vero che è separato dalla sua fonte di Potere Personale?
No.

É questo che lui crede, perché è ferito dalle sue proprie interpretazioni date ai comportamenti dei genitori.

I genitori ci amano, siamo noi che crediamo che non ci abbiano voluto, perché siamo programmati a fare le vittime per lasciare il nostro Potere nelle mani degli altri.

Le vittime non ottengono la Ricchezza perché credono di non meritarla, in quanto non sono capaci di vincere la lotta con le proprie parti ombra e si autopuniscono.

Ora, cara vittima, basta esserne vittima!

É giunta l’ora di recuperare il nostro Potere Personale da veri guerrieri spirituali.

É giunta l’ora di scoprire la Luce che c’è in te!

Da Bambino Interiore Ferito a Potere Personale e Ricchezza

Da Bambino Interiore Ferito a Potere Personale e Ricchezza - www.RicchezzaVera (3)Hai notato le caratteristiche di un ricco?

Non mi riferisco ad un ricco che ha ereditato i suoi soldi dai genitori, mi riferisco ai ricchi di valori interni ed esterni.

Hai notato se, per esempio, T Harv Eker che è il Re della Ricchezza Illuminata si comporta da Vittima o da Responsabile?

I ricchi sono ricchi perché sanno gestire il proprio Potere Personale.

Cos’è il Potere Personale?

Una cosa così desiderata e non sappiamo che cosa sia?

Del perché rifiutiamo di vederla e gestirla abbiamo già parlato: ci fa comodo dare la colpa all’esterno e lamentarci che “gli altri ci hanno fatto questo, questo e quest’altro”.

Ci fa comodo dare loro la nostra energia, in cambio di un sistema “sicuro” che è così strutturato da secoli!

É diventata un’abitudine e l’abbiamo ereditata dai nostri genitori.

Lo sai che le credenze ereditate sono più difficili da togliere?

Perché?

Perché essendo un’eredità che ci unisce ai nostri genitori, se cambiamo le credenze, dentro di noi nasce il senso di colpa perché ci allontaniamo dai nostri genitori o facciamo loro un torto e siccome amiamo i nostri genitori preferiamo rimanere così.

Ti faccio un esempio: un mio cliente mi diceva di voler incrementare gli incassi della sua azienda.

Siamo andati a scavare nelle memorie del suo bambino interiore ed è risultato che “i soldi sono il male”.

Aveva paura di comprare anche solo un divano per casa sua, perché se fosse venuto il padre a fargli visita e lo avesse visto, lo avrebbe considerato cattivo, disobbediente e lo avrebbe potuto rinnegare, perdendo l’amore che aveva per lui.

Sembra assurdo?

In effetti lo è e sono queste le credenze che abbiamo ereditato!

Sono queste credenze che ci fanno stare senza il Potere Personale.

Adesso vediamo come fare ad arrivare al nostro Potere Personale e come gestirlo.

Da Bambino Interiore Ferito a Potere Personale e Ricchezza

“La paura è il primo nemico naturale che l’uomo deve superare lungo la strada verso la conoscenza”

diceva Carlos Castaneda.

Affrontare la paura vuol dire vedere i lati positivi che stanno dietro ad essa e quindi riconoscere che ogni medaglia ha due facce: la paura ci insegna a essere prudenti, la timidezza ad ascoltare gli altri, l’insicurezza a rafforzare gli strumenti di cui si dispone; tanto quanto la presunzione fa allontanare gli altri, l’eccessiva audacia può portare a un fallimento, e l’eccessiva sicurezza ad una mancanza di attenzione verso le situazioni esterne.

Ogni nostro aspetto ha una metà vuota e una piena del bicchiere; non sono necessariamente i lati forti a essere sempre quelli migliori.

Riconoscere il Potere Personale vuol dire non permettere più e a nessuno di farci del male: se noi siamo validi alleati di noi stessi, capaci di accoglierci, di accettarci e valorizzarci, di amare il nostro Bambino Interiore, nessuna “frecciata esterna ci potrà ferire”.

Avere il Potere Personale quando siamo accoglienti e coinvolgenti con il nostro Bambino Interiore, ci fa sentire forti oltre ogni misura.

Nessuno di noi è superman, abbiamo tutti accumulato, nella nostra storia, dolcezze e durezze, sicurezze e debolezze.

Il potere, quello vero, non è sugli altri, è su di sé.

“Chi vince gli altri ha forza. Chi vince sé stesso è forte. Chi conosce la propria misura è ricco”, ha lasciato detto Lao Tzu, il leggendario maestro della tradizione taoista.

Quindi il ricco è colui che guarisce il proprio Bambino Interiore Ferito e che recupera il proprio Potere Personale, che sa come gestirlo e sa manifestare amore verso sé stesso e verso gli altri.

La vera Ricchezza sta nei nostri comportamenti e nei contatti di cuore che stabiliamo tra di noi e la nostra famiglia.

Il ricco non fa alcuna differenza tra sé stesso e gli altri, perché gli altri sono parte di lui.

Il ricco bada alla propria ricchezza e non a quella degli altri.

Il ricco arricchisce sé stesso arricchendo gli altri, ama sé stesso, perdona, è unito alla fonte divina e rispetta il denaro come rispetta sé stesso.

Il ricco ama il denaro.

Il ricco che ha guarito il suo Bambino Interiore allinea il suo Business alla Missione della sua Anima sulla Terra.

[Da Bambino Interiore Ferito a Potere Personale e Ricchezza – Articolo di Ana Maria Ghinet – www.EnergetiCoach.com]

[Per approfondire la dinamica del passaggio da Bambino Interiore ferito a Potere Personale, guarda adesso i 3 video introduttivi del corso multimediale “Il Potere sei Tu” (ancora in offerta lancio)]

PS

Se ti è piaciuto “Da Bambino Interiore Ferito a Potere Personale e Ricchezza”, clicca sul pulsante BLU qui in basso e Condividi su Facebook, grazie! :)

Piaciuto l'articolo? Allora Iscriviti alla Newsletter di Ricchezza Vera!
Inserisci i tuoi dati e Ricevi Subito gli eBook:
"I Primi Passi verso la Ricchezza Vera"!
>>>>>