Vadim Zeland: Avanti nel passato – recensione

Vadim Zeland Avanti nel passato[Vadim Zeland: Avanti nel passato – recensione – Articolo di Enrico Sigurtà]

Avanti nel passato, di tutta la trilogia, è il libro più pratico e più profondo dei tre.

Per comprenderlo a fondo è necessario aver letto quanto meno il primo libro della trilogia.

Questo libro ti aiuta a mettere in pratica ciò che hai imparato nei primi due libri.

In particolare ti insegna ad usare il Transurfing per trovare lavoro, per affrontare le malattie, per migliorare i tuoi rapporti, e molto altro.

[Per acquistare l’intera trilogia di Vadim Zeland, clicca qui – n.d.r.]

[vedi anche Vadim Zeland: come guadagnare con le proprie passioni n.d.r.]

Non viene trattata direttamente la ricchezza e il denaro ( eccezion fatta per la parte dedicata alla ricerca del lavoro ), ma vengono discussi argomenti direttamente collegati alla psicologia del denaro.

Ad esempio si parla dell’insicurezza e di come affrontarla.

Così come viene spiegato come raggiungere un fine (come la ricchezza per l’appunto ) senza lottare.

Queste, e molte altre cose, sembrano cose di poco conto ad un occhio poco allenato.

In realtà incidono tantissimo su tutti quei pensieri e azioni che possono avvicinarti o allontanarti dai tuoi obiettivi.

Questo ti permette non solo di vivere una vita più prospera, positiva e serena, ma ti permette anche di rivedere gli errori che hai commesso in passato e di correggere il tiro per il futuro.

Vadim Zeland: Avanti nel passato

Gli ultimi 2 capitoli:

Gli ultimi due capitoli di questo libro sono diversi da qualsiasi altro capitolo della trilogia.

Questi capitoli, più che insegnamenti, contengono esperienze e riflessioni che ti aiutano a vedere la realtà sotto un punto di vista migliore, più aperto.

In conclusione, questo libro è una degna conclusione per una trilogia che può realmente aiutarti a dare una svolta alla tua vita.

Purtroppo è necessario che tu abbia letto almeno il primo libro della trilogia, altrimenti non riuscirai a cogliere la profondità dei discorsi trattati in questo libro.

[Vadim Zeland: Avanti nel passato – recensione – Articolo di Enrico Sigurtà – www.enricosigurta.com]

Vadim Zeland: Avanti nel passato – Cos’è il Transurfing?

[Fonte originale di questa seconda parte]

 Cos’è il Transurfing?

È un nuovo fenomeno culturale che rinnova completamente
il modo di interpretare la realtà e “governare” il proprio destino.
Applicando i principi del surf, il Transurfing insegna
a scivolare senza sforzo tra le onde del quotidiano
e a cavalcare la vita con leggerezza, senza affondare mai.

In Avanti nel Passato, Vadim Zeland ci mostra i capisaldi del Transurfing, modelli di pensiero che consentono di migliorare le relazioni personali e le scelte di vita: pensare e agire in modo tale che la fortuna sia sempre dalla nostra parte, grazie alla Coordinazione, aver successo nei rapporti con gli altri utilizzando il Freiling e, naturalmente, ritrovare la strada giusta per raggiungere i nostri scopi attraverso strumenti per andare Avanti nel passato.

Ancora una volta Vadim Zeland, dopo il successo dei due bestseller Lo Spazio delle Varianti e Il Fruscio delle stelle del mattino, ci riesce a stupire con un nuovo potente richiamo al messaggio di base del Transurfing:

cessando la battaglia, acquistiamo la libertà.

Vadim Zeland: Avanti nel passato

Segreti del successo editoriale

Il primo capitolo della Trilogia si è classificato tra i 20 libri di varia più venduti in Italia (fonte La Stampa, Maggio 2010).

Ma qual è il segreto di così tanto interesse?

Il Transurfing non aiuta a lottare contro i problemi e nemmeno a risolverli, aiuta semplicemente a evitare di incontrarli.

Il successo del Transurfing risiede proprio nella nuova prospettiva che suggerisce al lettore, un modo completamente innovativo di gestire la vita quotidiana.

Avanti nel passato rappresenta la terza fondamentale tappa di questo percorso: grazie alle sue pagine i transurfer riusciranno finalmente a controllare il proprio movimento all’interno dello spazio delle varianti e del tempo, sia avanti che indietro.

 

Quando l’incredibile si trasforma in realtà davanti ai nostri occhi, lo spettacolo è sconvolgente!

Vadim Zeland

 

Non si tratta di un viaggio nella fantascienza, ma di una realtà che è molto più stupefacente di qualsiasi mistero.

Un nuovo potente richiamo al messaggio di base del Transurfing:

cessando la battaglia, acquisterete la libertà.

Il Transurfing è una tecnica potente, in grado di fornire gli strumenti necessari per gestire il vostro destino a vostro piacimento.

Nessun miracolo, però.

Vi aspetta qualcosa di ben altra entità.

Vi convincerete che la realtà ignota è molto più stupefacente di qualsivoglia magia…

Vadim Zeland, nell’unica intervista rilasciata alla stampa, sottolinea di non esserne “l’autore vero e proprio”.

Egli infatti non si considera né un creatore né tantomeno un maestro spirituale, un’idea assolutamente contraria al Transurfing, che disdegna scuole o movimenti di pensiero.

Di Vadim Zeland sappiamo solamente che è russo ed è un esperto di fisica quantistica, divenuto “trasmettitore” di questa incredibile tecnica.

Nei suoi libri, Zeland propone ai lettori un viaggio fantastico nella realtà, dove la destinazione non è un punto d’arrivo ma un processo, il vivere quotidiano in un’atmosfera di festa ininterrotta.

Poiché, per colui che impara a gestire e scegliere il proprio destino e a ottenere ciò che desidera, la festa è ogni giorno, nel qui e nell’ora.

Nella valigia del Transurfer, pochissime cose: la consapevolezza, la libertà da ogni dipendenza, la riduzione dell’importanza di sé e del mondo, un pensiero improntato al positivo comunque sia.

Affrontando il viaggio con questo bagaglio essenziale, alleggerito da tutti i falsi stereotipi imposti dalla visione comune del mondo, l’uomo può solo scivolare di linea della vita in linea della vita verso la sua linea più favorevole, la sua onda della fortuna.

Transurfing è proprio questo: scivolare per le linee della vita nello spazio delle varianti.

[Fonte originale di questa seconda parte]

PS

Se ti è piaciuto “Vadim Zeland: Avanti nel passato – recensione”, e se pensi che piacerà anche agli amici, segnala questo post su FACEBOOK tramite il pulsante blu qui in basso


Leggi anche questi Articoli: