Kryon, le 4 Paure: il confronto

Kryon, le 4 Paure il confronto[Ecco l’indice delle 4 paure: Kryon, le 4 Paure ]

Kryon 2° paura: il confronto

In mezzo a voi (tra i presenti in sala, venuti per seguire la canalizzazione di Kryon, ndr.) c’è anche una persona che teme ogni tipo di confronto.

Spiegheremo perché.

Nel riflesso di quella vita, carissima, sei un uomo di trentadue anni, ma nella vita attuale, mentre siedi in questa sala, sei una donna.


In quella vita passata, sei a disagio insieme ad altri nel freddo della notte in attesa di alzarti e andare in battaglia in prima linea.

Quando ti muovi ti senti impacciare dall’armatura perché non l’hai mai portata prima.

L’elmo calcato sulla testa sembra strano ed è della misura sbagliata. Lo scudo è pesante e la spada… non avresti mai pensato che fosse così pesante una spada da battaglia!

Ti viene detto di alzarti, ma stenti a farlo con tutto quel peso aggiunto.

Sei andato in battaglia in un ultimo disperato tentativo di salvare il tuo paese che è stato invaso da dei barbari, dei conquistatori, che hanno occupato la tua terra e preso tutto ciò che ti appartiene.

Il piccolo esercito del tuo paese è stato sconfitto settimane prima e ora i tuoi capi ti hanno chiamato a un ultimo sforzo: affrontare il nemico che sta avanzando davanti a voi.

Solo tre giorni prima gli inviati del governo erano venuti a portarti via dai tuoi campi, perché tu sei un contadino e conosci gli animali, le coltivazioni e le piante.

Ora ti trovi in queste vesti di ferro accanto ad altri contadini che come te avevano tutti a che fare con pecore, capre e bestiame.

In piedi, con la pesante spada in mano, ti rendi conto che non sai come usarla e che neppure puoi sognarti di avere la conoscenza del guerriero che stai per affrontare.

Hai paura!

Il tuo corpo e il cervello urlano: «SCAPPA DALL’ALTRA PARTE!» ma tu hai il silenzioso onore dell’amore per la terra e per il paese – così aspetti.

È l’ora!

Il sole sta sorgendo e i suoni del nemico arrivano coprendo i campi umidi della rugiada del mattino.

Guardi al di là della trincea, vedi le fila avanzare verso di te e senti il rumore e lo sferragliare dei macchinari da guerra.

Suona la campana della battaglia: devi alzarti e avanzare.

Guardi l’uomo accanto a te – tuo vicino da molti anni, che raccoglieva bellissime messi, raccolti che molte volte hai gustato incontrandoti con la sua meravigliosa famiglia – e nei suoi occhi vedi la paura e il dolore.

Ma egli evita il tuo sguardo per non farti vedere le sue lacrime.

Sollevate contemporaneamente le vostre pesanti armi, alzandovi e avanzando verso i guerrieri sul vostro cammino.

Non pensi minimamente di fuggire o di dire no alla tua terra.

Il nemico distruggerà comunque la tua fattoria, perciò puoi anche morire ora combattendo.

Oh, carissima, nell’aria c’è l’odore della paura e mentre avanzi verso quella linea rumorosa sai che la morte è imminente!

Non volti le spalle.

Non guardi i volti di chi ti sta accanto – i volti dei vicini che hai conosciuto e amato, quei vicini di cui conoscevi i figli per nome – perché ora vedresti la loro paura, e vuoi lasciar loro la dignità in questi ultimi momenti.

Vi avvicinate ai nemici ed essi avanzano più rapidamente: sono ansiosi di incontrarvi, in qualche modo sanno di avere la vittoria assicurata.

In un attimo sono su di voi!

Vedi il viso di colui che sta per combattere contro di te, anche lui ti vede e ti valuta in un attimo.

Sa che sei un contadino e sogghigna con la bocca sdentata.

Tutto sembra come al rallentatore, mentre ti chiedi se quell’uomo ha mai aiutato un vitello a nascere, sorvegliato un gregge o coltivato qualcosa.

Aveva una famiglia, o ha mai curato un animale malato?

L’uomo solleva in alto la sua scure, tu istintivamente sollevi lo scudo per parare il colpo, e lui con l’altra mano ti affonda la spada nella carne sotto lo scudo.

Ti ha ingannato con questa mossa elementare da guerriero e senti immediatamente le gambe cedere e un dolore bruciante invadere le viscere.

Veloce ed efficace, l’uomo ti spinge a terra con il suo scudo lanciando un grido di vittoria.

Senti la sua saliva sul tuo volto mentre parla una lingua che non capisci… e poi va verso la sua prossima vittima.

Riverso nel fango, senti l’odore familiare della terra e il frastuono di quel folto gruppo che si dirige verso la tua fattoria.

Sapendolo, avevi messo la tua famiglia al sicuro in un nascondiglio e liberato tutti gli animali.

In qualche modo ti senti in pace.

È finita.

Hai fatto tutto quello che potevi e ora spetta agli altri.

«Addio, cara e preziosa famiglia» ti senti dire rauco con una voce che non sembra la tua.

«Vi rivedrò tutti quando Dio vorrà».

È finita, e intuitivamente sai che stai andando a casa.

Senti il calore del fluido vitale scorrere via da te e riversarsi sulla terra che ami e che tante volte hai coltivato.

Il dolore dura pochi attimi, poi il buio.
Miei cari in questa sala, permettetemi di dirvi che è per questo che Dio vi ama tanto!

Avvenimenti come questi creano le vostre lezioni, e queste sono le lezioni che elevano le vibrazioni del pianeta!

C’è da meravigliarsi se siamo ai vostri piedi pieni di riverenza per aver scelto di fare un lavoro tanto duro?

Questo doloroso evento di un grandioso tempo passato ti parla oggi, molte vite più tardi, della paura di confrontarti.

Ti parla anche dell’esitazione nell’unirti, all’evenienza, al tuo governo, perché questo, la volta scorsa, ti ha portato alla morte!

Ti prego, capisci che non c’è bisogno di battersi con un gigante sdentato per avere paura del confronto.

Ripeto, questa sera abbiamo illustrato il caso più drammatico così da poter apprezzare chi vi è seduto vicino.

Incoraggiamo chi di voi desidera attraversare e superare questa paura karmica del confronto a indossare l’armatura di Dio!

Quale che sia la forma in cui il confronto si presenterà la prossima volta creando dentro di voi la paura – facendovi battere più forte il cuore o modificando la chimica per l’ansia – entrateci direttamente dentro! Sentitevi avvolti dal manto di Dio.

Questa nuova armatura dello Spirito di Dio è molto diversa rispetto a prima perché in questa nuova era le regole sono cambiate.

Questa nuova era di co-creazione con Dio è un’era in cui il vostro potere è assoluto fintantoché il vostro intento è puro.

Questo è il manto dell’amore e la spada della verità.

Nulla può resistergli!
Quando entrate nell’evento, coloro con cui dovrete confrontarvi sono totalmente consapevoli del vostro cambiamento karmico e cambieranno a loro volta.

Aspettatevelo.

Vedrete come la loro reazione non sarà più la stessa quando indosserete la vostra armatura spirituale e maneggerete la vostra spada di verità: le vostre azioni irraggeranno amore verso l’individuo con cui vi state confrontando – e sarà qualcosa di più che un confronto.

Risolverà la battaglia senza ferire il guerriero… cambierà la persona con cui avete a che fare e cambierà anche voi!

Qualunque tipo di confronto abbiate davanti a voi, entrateci con fiducia e amore.

Confrontarvi non è più una battaglia dove c’è sempre un vincitore e un vinto, anzi… sarà proprio il confronto a portare soluzioni per entrambi.

Nel manto di Dio c’è l’armatura della saggezza, lo scudo della conoscenza e la spada della verità.

Entratevi, dunque, con serena e consapevole sicurezza.

Così facendo, il vostro legame karmico sarà infranto e non avrete mai più paura di questo attributo.

Fonte

Estratto da:

Le Parabole di Kryon

di Lee Carroll

[Macro Edizoni – Stazione Celeste]

PS

se pensi che questo post “Kryon, le 4 Paure: il confronto” possa essere di interesse di qualche tuo amico, clicca sul pulsante Facebook qui in basso, grazie 🙂


Leggi anche questi Articoli: